Articolo

mercoledì 22 febbraio 2012  

Tu sei qui: Home » Interventi in aula » Intervento in aula: DICHIARAZIONI DI VOTO BIL.PREV.5.4.11

Calendario
ottobre: 2017
L M M G V S D
« lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Intervento in aula: DICHIARAZIONI DI VOTO BIL.PREV.5.4.11


IL CONSIGLIERE SIMIONATO PRENDE LA PAROLA E COSI’ INTERVIENE

La mia dichiarazione di voto praticamente si rifà all’intervento che ho fatto ieri sul provvedimento, che al di là della definizione del bilancio, che doveva tenere conto dei vincoli e dei problemi che obbligano a non potere provvedere in modo particolare a un cambiamento di tipo strutturale del bilancio, è chiaro che tenendo conto di un deficit pregresso di quella portata, tenendo conto dei tagli dello Stato, tenendo conto che non si poteva aumentare l’addizionale IRPEF etc., è chiaro che la definizione del bilancio era vincolata.

Sono stati fatti degli interventi che, come ho detto ieri, sono positivi, nel senso che si sono diminuite le spese, si sono aumentate le entrate con recupero di tasse e di evasione fiscale etc., si sono fatti degli interventi positivi, si sono ridotte, come ho detto anche ieri, le spese relative agli incarichi esterni, però al di là di tutto questo il bilancio è sempre in una grande fase di criticità. A me dispiace dovere ripetere quello che ho detto ieri, anzi sarò anche molto più breve, perché tanto è inutile, la cosa che ho detto è a verbale e quindi è inutile stare lì a ripetere le stesse cose.

Dico semplicemente questo: c’è una grande criticità, il bilancio è ingessato, perché proprio per il discorso del deficit che doveva essere quindi recuperato anche per il 2011, per quanto riguarda questi aumenti e la mancanza dei tagli, dei trasferimenti dallo Stato e dalle regioni, che hanno contribuito d’altro canto a fare sì che ci fossero meno spese, però il bilancio ha raggiunto un equilibrio, per quanto precario, dovendosi affidare al discorso delle alienazioni, quindi non solo le alienazioni, ma anche gli oneri di urbanizzazione.

Abbiamo visto che la tendenza dell’aumento degli oneri di urbanizzazione che si era prevista non c’è, invece anzi siamo in diminuzione. Vuoi per i problemi di mercato che esistono, quindi le persone ovviamente costruiscono meno, vuoi per un’altra serie di motivi, siamo dovuti ricorrere alla percentuale del 75%, che è la massima che la Legge permette, quindi con un’inversione di tendenza rispetto agli anni precedenti, dove non si era usufruito di tutta la percentuale, si era arrivati vicini ma non al 75%.

Questo 75% è previsto anche per il 2012, mentre invece per il 2013 non si sa se si potrà fare ricorso a questo introito, quindi c’è molta preoccupazione al riguardo. Inoltre non si sa se le alienazioni andranno a buon fine, finora grazie a Dio è andata bene, siamo riusciti a vendere qualcosa, quindi siamo riusciti a recuperare un po’, però ripeto finché si sarà costretti a basare l’equilibrio del bilancio su queste voci, il problema sarà molto grande e molto critico.

Per quanto riguarda anche le spese del personale, è vero sono diminuite, ma insisto: sono diminuite anche perché c’era il blocco delle contrattazioni sul lavoro, che invece nel 2012 dovrebbe riprendere, quindi anche questo è un altro punto interrogativo sul nostro bilancio e sul nostro futuro.

Poi ci sono stati aumenti molto alti per quanto riguarda le sanzioni e le multe, finora questi aumenti erano stati destinati a fare cassa e ora non si è potuto destinare tutte le entrate a questo, ma si è dovuto destinare una parte, e ora non ricordo la cifra esatta perché l’ho detta ieri, ma mi sembra 1.680.000 per investimenti per quanto riguarda le strade e la Polizia stradale, comunque cose che hanno a che fare con la viabilità come prescritto dalla Legge, e altri 120 mila Euro mi pare per segnaletica o roba del genere. Diciamo che finalmente c’è stato questo tipo di destinazione per questo investimento, ma come ho detto ieri è un’operazione virtuosa per obbligo, perché la Legge ci ha costrutti a fare questo.

Ieri ho detto e ribadisco anche oggi, perché è vero, il Sindaco dice che non è vera questa cosa, ma per me invece sì, nel senso che fino a diversi anni fa il bilancio è sempre stato in deficit, quindi non è colpa dei tagli del Governo se ora abbiamo questi problemi. Certo si sono acuiti, certo la cosa è diventata più grave, non solo per questo Comune ma certamente per tanti enti locali, è ovvio! Questa è una cosa che non si può negare, però se anche prima eravamo in deficit e anzi anche deficit molto molto alti, non sarà sempre stata colpa di questo Governo, perché prima questi tagli non c’erano.

Paradossalmente sono contenta che ci siano questi tagli come ho detto ieri, perché almeno l’Amministrazione Comunale è costretta a un comportamento virtuoso, a tirare i remi in barca, a non fare sprechi, a essere più attenta nelle spese, a recuperare su tanti fronti, a darsi da fare anche, per esempio, per il recupero dell’evasione etc., quindi è un paradosso, ma d’altro canto è sotto gli occhi di tutti.

Poi ripeto dire… non mi ricordo perché non l’ho segnato, ma quello che diceva il Sindaco, che per l’amor del cielo lo capisco, lui lo deve anche dire, a volte sembra tutto vero ma purtroppo non è così! Noi dobbiamo rendere conto ai cittadini e a me sembra, come ho detto ieri, che fino a poco tempo fa, e per ora lascio il dubbio perché non è che ci sia la certezza, non si è data la risposta ai cittadini. Il Sindaco diceva “camminiamo per strada, ci tirano per giacca”, io non ho mai visto lei con qualcuno, è sempre con il telefonino e cammina rasente i muri per paura che qualcuno la fermi! Ripeto non vedo che la fermi… (intervento fuori microfono) certo, per l’amor del cielo quello sì, però quando è per strada non mi sembra che lei sia così disponibile al colloquio, al contatto con le persone e a farsi tirare per la giacca, però può darsi che mi sbagli. Io ho questa impressione e mi baso anche su quello che mi dicono le altre persone.

A ogni modo questo era solo per dire che quando lei parla, anche oggi in particolare era molto convincente e a me piace quando lei parla in modo appassionato, contrariamente al solito che sembra sempre gli tocchi a un altro, invece quando lei parla di bilancio devo darle atto che è molto appassionato e ci sente, quindi le faccio un complimento da questo lato. E quindi sembra anche vero quello che dice, ma non tutto è vero, quindi dice bene, ma purtroppo non è che incanta molto le persone, perché si deve guardare i fatti e i fatti purtroppo ci dicono che il nostro bilancio in passato era in deficit, non c’erano i tagli, erano deficit molto più gravi e evidenti, quindi evidentemente non è colpa dei tagli e quindi ben venga se ora finalmente si sta più attenti alle spese e agli investimenti da fare.

Mi auguro che si riesca a vendere ancora, in modo che si possa tirare a campare fino alla fine del mandato, perché l’impressione che ho io è, e ripeto può darsi che mi sbagli, certamente io non pretendo mai di avere ragione, ma l’impressione mia è che si stia tirando alla fine del mandato, senza prendere provvedimenti di alcun tipo, ma semplicemente piccoli ritocchi qua e là, mentre invece ci sarebbe la necessità di una riforma strutturale molto importante, in modo da finalmente fare un cambiamento di rotta che sia evidente e sicuro.

Pubblicato in: Interventi in aula | Nessun commento »

Lascia un commento

Devi accedere all'area riservata per lasciare commenti.


lunedì 23 ottobre 2017

Aggiornamenti in tempo reale (RSS) | Assistenza tecnica | Realizzazioni ilmente