Articolo

domenica 16 ottobre 2011  

Tu sei qui: Home » Blog » Lettera aperta ad amici e conoscenti

Calendario
ottobre: 2017
L M M G V S D
« lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Lettera aperta ad amici e conoscenti

BOBO in copertina

Il sentire non sempre si accorda col ragionare, ed in politica mi è sempre stato sconsigliato di seguire spinte emozionali. Ob torto collo ho cercato, usandomi una certa violenza, di fare come dicono quelli più esperti e scafati di me. Ho cercato di farmene una ragione del fatto che la politica sia sempre e solo sangue e m….a. Ho cercato. Senza riuscirci completamente, però. E lo dico con malcelato orgoglio. Ho creato un filtro che mi evita i coinvolgimenti emotivi sotto certi livelli. Le fesserie non mi toccano, passando su di me come acqua sul vetro.
Resto però vulnerabile a quegli eventi che cercano di screditare certi valori, certe figure di riferimento alle quali cerco di ispirarmi, con grande umiltà, nella mia attività politica e, più in generale, di cittadina.
Ero stata preavvisata, con altri amici, dall’onorevole Morganti che era in arrivo un articolo con copertina dell’Espresso che, almeno negli intendimenti di chi l’aveva scritto e soprattutto di chi l’aveva pubblicato, avrebbe dovuto rappresentare una picconata al nostro amato ministro dell’Interno. Una notizia che, in tempi di dossier che colano vetriolo, avrebbe dovuto fare esplodere un nuovo caso, stavolta all’indirizzo del nostro Bobo.
Stamani, non con una certa fatica, ho tirato fuori tre Euro per acquistare ciò che ritengo la negazione di ogni etica giornalistica, L’Espresso. Ma dovevo sapere.
La foto a tutta copertina lasciava presagire verità nascoste da far accapponare la pelle.
Non vi nascondo che provavo una certa emozione mentre scorrevo le pagine patinate alla ricerca di ciò che forse poteva cambiare la mia prospettiva politica, presente e futura.
E poi, quanto sollievo nel leggere il nulla che emergeva da effluvi di parole che parlavano di tutto fuorchè di una qualche fattispecie che vedesse Maroni responsabile di alcunchè di illecito.
Ma anche quanta rabbia, nel vedere l’accanimento e l’impegno per gettare discredito sul ministro. Condizionali e forme impersonali, foto della sua portavoce, che ha il difetto di essere una bella trentenne, ipotesi da strizzatina d’occhio, o toccate di gomito.
Quattro pagine nelle quali si raconta la storia della Mythos, importante società di consulenza milanese, alla quale il nostro pare abbia fatto consulenze (era ed è avvocato) per un totale 60.000 Euro in vari anni. Fatture tutte regolarmente emesse e dichiarate. L’ultima delle quali, pare, non incassata per insolvenza della suddetta società. E allora? Dicono che non è chiaro quali compiti Maroni abbia svolto a fronte di quelle parcelle. E’ sufficiente questo per dedicare una copertina sottotitolata con un infamante “tu quoque”?
Cari amici il fango ad “alzo zero” è diventato pratica comune. Ma nonostante questo non sono qui a invocare limiti alla libertà di stampa. Infatti operazioni come questa si ritorceranno inesorabilmente contro mandanti ed esecutori. L’opinione pubblica è meno fessa di quanto certi geni dell’intrigo possano pensare. Se decine di migliaia di italiani, fra i quali la sottoscritta, hanno firmato l’appello del Giornale che chiedeva le dimissioni di Fini per l’”affair Montecarlo” sulla base di riscontri inoppugnabili, vorrei vedere come reagirebbero i lettori dell’Espresso ad una simile sollecitazione fondata su ciò che gli anglosassoni chiamano poco elegantemente bullshit.
Per concludere, se tutti coloro che percepiscono parcelle ed emolumenti senza che sia chiaro a fronte di quale impegno o risultato dovessero finire in copertina, mi sapete dire quanti rotocalchi e relative prime pagine sarebbero necessarie per ospitare le foto dei dirigenti e consulenti del Comune di Pistoia ?

Pubblicato in: Blog | Rassegna stampa | Nessun commento »

Lascia un commento

Devi accedere all'area riservata per lasciare commenti.


sabato 21 ottobre 2017

Aggiornamenti in tempo reale (RSS) | Assistenza tecnica | Realizzazioni ilmente