Articolo

martedì 24 maggio 2011  

Tu sei qui: Home » Blog » LA PIETRA E’ SERENA, NOI NO.

Calendario
ottobre: 2017
L M M G V S D
« lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

LA PIETRA E’ SERENA, NOI NO.

NON VORREI CHE SUCCEDESSE COME IN PIAZZA DELLA SIGNORIA A FIRENZE ANNI FA!

Ormai da quasi due mesi sono in corso i lavori di rifacimento del manto stradale in Via Cino, Via Cavour e Via Buozzi, strade del nostro centro storico.
Che ci fosse bisogno di sistemare le strade è cosa nota. Io stessa dal 2007, anno in cui sono stata eletta consigliera comunale, ho interpellato più volte il Comune per sapere cosa intendeva fare per porre in sicurezza le nostre strade: buche, dislivelli, mancanza di marciapiedi, avvallamenti, piastrelle sconnesse, pietre sollevate, scalini sbreccati ecc. e conseguenti problemi per i disabili e spese per risarcimento danni ai cittadini che vi si infortunavano.
Mi fu risposto che non c’erano risorse e che bisognava aspettare i finanziamenti.
E così tra un rattoppo e l’altro, i finanziamenti sono arrivati e con essi, e con un gran tempismo, a Pasqua, ecco il via ai lavori. Al di là della cattiva organizzazione dei lavori, del momento scelto, Pasqua, dei tempi lunghi previsti, delle modalità con cui si svolgono e che recano danno ai commercianti, pannellature che oscurano i negozi, cose che già ho abbondantemente criticato anche sulla stampa, (e meno male che ora dopo tante insistenze da parte dei commercianti, qualcosa è stato ottenuto) , al di là di tutto questo, ancora non avevo visto lo scempio che si sta producendo in Via Cavour. (Strada che tra l’altro era già stata rifatta nel 1997.)
Come si vede dalle foto allegate, sono state levate le pietre antiche per sostituirle con pietre nuove. Che bisogno c’era di levarle? E poi dove vanno a finire le pietre antiche?
Forse non ci si rende conto che si tratta di un manufatto del settecento. Guardando il cartello dei lavori, la cui foto è pure allegata, si evince che non c’è il benestare della Sovrintendenza delle Belle Arti. Come mai non ne è stata chiesta l’autorizzazione prima di procedere con i lavori.
Possibile che nessuno si sia preoccupato di controllare? Possibile che nessuno si sia ricordato che si tratta di un centro storico vero. Sembra che si sia affidato il piano di rifacimento a un “ragioniere dell’asfalto”, che vuole omogeneizzare tutte le strade per farne il famoso salotto “incellofanato”, tutto uguale e squadrato, anonimo.
La città non deve essere un salotto, il nostro centro storico va vissuto ed è bello perché è vero. Capisco le pietre nuove dove non ci sono, ma qui, con quale criterio ci si è mossi?
Forse vogliamo che Pistoia sia come un parco a tema, come a Disney World dove hanno riprodotto il Palazzo Ducale di Venezia.
Bene, se è questo lo scopo, siete sulla strada giusta, però allora ricordatevi che non ci deve essere una carta per terra né un sacchetto della spazzatura: I parchi a tema sono puliti e perfetti.

(Guardate le foto delle pietre nell’album foto)

Pubblicato in: Blog | Rassegna stampa | Nessun commento »

Lascia un commento

Devi accedere all'area riservata per lasciare commenti.


sabato 21 ottobre 2017

Aggiornamenti in tempo reale (RSS) | Assistenza tecnica | Realizzazioni ilmente