Articolo

sabato 24 luglio 2010  

Tu sei qui: Home » Blog » Dissenso sul Regolamento Dehors

Calendario
ottobre: 2017
L M M G V S D
« lug    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Dissenso sul Regolamento Dehors

Dissenso sul regolamento dehors.

Il “Regolamento per l’occupazione di suolo pubblico per l’attività di somministrazione di alimenti e bevande all’aperto” è stato approvato ieri in Consiglio Comunale, con il mio solo voto contrario.
Si tratta di un regolamento abbastanza rigido che contiene un’infinità di norme tecniche e dettagli, che non snellisce la burocrazia, (nonostante il parziale accoglimento di una mia richiesta di predisporre un’unica modulistica valida per qualsiasi fattispecie di occupazione di area pubblica), e che mette il richiedente alla totale mercè degli Uffici pubblici.
Si tratta di un regolamento che pur essendo ingessato, nello stesso tempo vanifica il suo contenuto e il suo senso all’articolo 19, secondo cui si possono presentare i cosiddetti progetti d’ambito unitari in deroga a tutte le prescrizioni del regolamento stesso.
Non solo, ma per chi aderisce al progetto d’ambito unitario la durata della concessione è di quattro anni e non di uno come per gli altri, che saranno poi costretti ad uniformarsi al progetto unitario.
Il fatto che l’Assessore abbia accolto la richiesta che questi progetti d’ambito unitari passassero dal Consiglio prima dell’approvazione, pur migliorando la situazione, non mi ha dato sufficiente garanzia di equità per tutti gli esercizi.
Rimangono inoltre molti punti oscuri, come per esempio il sottintendere la conformità con il regolamento d’igiene a cui non ci si richiama, mentre ci si richiama al codice dei Beni Culturali e del Paesaggio o al regolamento edilizio da cui in certi casi si può derogare. Esiste anche il rischio che si perdano altri posti auto preziosi vista la carenza, specialmente nel centro storico, da dedicare ai dehors.
E’ un regolamento che a mio avviso non dà sicurezze, né garanzie di parità di trattamento per tutti gli esercenti che abbiano una somministrazione assistita o non.
Infine, mi auguro vivamente che il regolamento venga fatto rispettare, altrimenti addio quiete pubblica, addio decoro, in barba a tutte le prescrizioni.

Pubblicato in: Blog | Rassegna stampa | Nessun commento »

Lascia un commento

Devi accedere all'area riservata per lasciare commenti.


sabato 21 ottobre 2017

Aggiornamenti in tempo reale (RSS) | Assistenza tecnica | Realizzazioni ilmente